06 / 945 46 475|info@contactalens.com

Lenti a contatto e idratazione, cosa bisogna sapere

///Lenti a contatto e idratazione, cosa bisogna sapere
Lenti a contatto e idratazione, cosa bisogna sapere 2017-05-29T17:36:21+00:00

Quando si acquistano lenti a contatto morbide idrofile, il primo valore che viene valutato è la percentuale di acqua contenuta nel presidio.

C’è un’erronea convinzione che più è alto il contenuto idrico più la lente sarà comoda e gas permeabile.

 

Idratare le lenti nel modo corretto

 

Per fare una valutazione completa sul grado di permeabilità all’ossigeno, sull’idratazione e sulla comodità di una lentina, bisogna considerare percentuale di acqua, materiale di fabbricazione, fattore di permeabilità, o Dk/t, e spessore del presidio.

Valutando queste variabili, una lente con una percentuale di acqua bassa non necessariamente sarà poco gas permeabile.

In commercio si trovano presidi a sostituzione frequente (lenti a contatto giornaliere, settimanali, quindicinali e mensili) con alte percentuali di idratazione ma che non sempre hanno gli stessi valori di permeabilità di ossigeno.

Un presidio idratato, comodo e sicuro  (H2)

Innanzitutto bisogna conoscere i materiale con cui sono fabbricate le lenti a contatto, lo spessore e la diversa geometria a seconda del disturbo. I prodotti di nuova generazione sono fabbricati con polimeri siliconici hidrogel nella cui composizione è presente acqua e nelle indicazioni sono presenti le percentuali e del polimero e dell’idratazione.

Alte percentuali non indicano altrettanta permeabilità. A secondo del potere diottrico, e del tipo di disturbo, lo spessore del presidio cambia e quindi anche il grado di trasmissione dell’ossigeno. Lo stesso materiale di costruzione, in ambiti diversi e a spessori diversi, può essere più o meno permeabile e quindi la percentuale di idratazione può essere alta ma quasi ininfluente per la trasmissibilità.

 

Ma perché è importante il fattore idratazione?

 

Le lenti a contatto ad alto contenuto idrico sono comode, soprattutto quando bisogna toglierle. Il loro fattore di percezione è quasi nullo e la loro superficie rimane morbida per molto più tempo essendo più lungo il tempo di disidratazione naturale.

Da non sottovalutare che risultano più difficili gli accumuli proteici e i depositi di polveri ambientali. I contattologi inoltre le consigliano a chi soffre di secchezza oculare, di scarsa lacrimazione, a coloro che lavorano in ambienti climaticamente particolari, a chi pratica sport o semplicemente a chi non vuole rinunciare alle lenti d’estate o in ambienti particolarmente caldi e secchi o molto freddi.

 

Ci sono alcuni aspetti negativi che vanno presi in considerazione? 

 

Più la lente a contatto è bagnata più può essere soggetta a prolificazione di batteri e all’attacco di agenti esterni come il fumo e lo smog, la sua fabbricazione, infatti, simile ad una spugna, oltre a conservare per più tempo l’umidità, tende a farle assorbire residui e microorganismi. Le case produttrici insistono particolarmente sulla pulizia e sulla manutenzione dei loro presidi proprio per evitare agli incauti portatori infezioni e fastidi, oltre a smaltirle in modo corretto dopo il loro utilizzo.

Ma detergere una LAC non sempre è sinonimo di sicurezza. Assorbendo agenti esterni quali disinfettanti e detergenti, si deve avere massima cura nel risciacquo per lo stesso principio che bisogna osservare frequentando luoghi fumosi o impregnati di agenti patogeni. Maggiore è la percentuale di acqua maggiore è il pericolo di inquinamento.

Le lenti a contatto giornaliere sono le meno inclini a queste problematiche ma comunque non risparmiano il portatore dall’osservare corrette norme igieniche ed evitare situazioni a rischio.

Volendo tirare le somme, due sono gli aspetti fondamentali da considerare al momento dell’acquisto di lenti, il primo è la permeabilità all’ossigeno in relazione a idratazione e specifiche tecniche e, il secondo, l’attenzione che si deve avere nel portare dispositivi facilmente attaccabili da agenti esterni. Più sarà alto il contenuto di umidità più si dovranno seguire scrupolosamente le istruzioni accompagnatorie.

Lenti a contatto morbide giornaliere e contenuto d'acqua

SCOPRI LE NUOVE SILICONE HYDROGEL
NOVIT​Á SUPER TRASPIRANTE
Scopri di più