06 / 945 46 475|info@contactalens.com

Visita oculistica per usare le lenti a contatto

Visita oculistica per usare le lenti a contatto 2017-05-29T17:36:14+00:00

visita oculistica lenti a contattoE’ importante prendersi cura dei propri occhi e, a tal fine, è fondamentale recarsi regolarmente dall’oculista, soprattutto quando si decide di utilizzare delle lenti a contatto.

Una visita approfondita può rivelare patologie dell’occhio, disturbi comuni o situazioni precedenti in peggioramento.

Ma non necessariamente bisogna soffrire di problemi alla vista per rivolgersi ad uno specialista, una semplice visita deve può diventare una sana abitudine per sincerarsi di aver occhi sani.

Ma come si svolge una visita? Quali sono i vari controlli?

 

Esame esterno dell’occhio

E’ il primo esame a cui si viene sottoposti. Il medico ispeziona le palpebre, i tessuti molli intorno al bulbo oculare e misura lo spazio intrapalpebrale. Verifica la tonicità dei muscoli intorno al cavità orbitale e osserva sclera, congiuntiva, iride e cornea utilizza un bioscopio e una fonte di luce.

Esame acutezza visiva

Questo esame verifica la capacità dell’occhio di distinguere i dettagli in una qualsiasi immagine. Questa misurazione, ottenuta utilizzando la tavola ottotipica di Snellen (tabella luminosa con lettere) permette allo specialista di capire quanto l’occhio riesce a mettere a fuoco un oggetto posto ad una determinata distanza. Questa capacità si misura in decimi.

Esame della funzionalità pupillare

L’oculista osserverà per mezzo di una luce, la reattività, le dimensioni e le caratteristiche delle pupille. Il test della reattività è importante in coloro che lamentano una visione doppia ma soprattutto in coloro che hanno subito forti traumi cranici o soffrano di malattie neurologiche.

Esame della motilità oculare

Viene eseguito soprattutto nei bambini ma anche negli adulti alla prima visita da uno specialista. Serve per accertare che il paziente non soffra di strabismo o non soffra di un’ipotonia dei sei muscoli che regolano il movimento del bulbo oculare, che potrebbe provocare fastidiosi mal di testa.

Esame del fondo oculare o fundus oculi

E’ un esame molto importante poiché, per suo tramite, si può valutare la salute delle strutture interne del bulbo oculare, la retina, la testa del nervo ottico e la microcircolazione. A livello oculistico è il controllo che serve per accertare un eventuale distacco della retina o lo stato della circolazione sanguigna nell’occhio. Spesso è un esame che viene prescritto da altri specialisti ma svolto dall’oculista. Infatti,  solo nell’occhio è possibile osservare la microcircolazione e  diagnosticare i danni provocati dal diabete mellito o da una pressione sanguigna alta e non curata.

Il dottore instillerà alcune gocce di un collirio speciale che dilaterà la pupilla e procederà nella vista utilizzando un Oftalmoscopio oppure una lampada a fessura con apposite lenti.

Misurazione pressione intraoculare (IOP)

La pressione intraoculare è definita dalla quantità di liquido lacrimale che si produce nell’occhio (umor acqueo). Più liquido c’è più sarà alta la pressione. In presenza di una pressione troppo alta si è di fronte all’ipertensione oculare che se trascurata può portare al glaucoma. A volte questa abbondanza di umor acqueo è una condizione fisiologica normale in determinati individui, ma è una rarità.

Il dottore ha diverse metodologie per effettuare l’esame: utilizzare il tonometro ad applanazione di Goldmann oppure il tonometro a soffio. In entrambi i casi prima di procedere al test dovrà instillare nell’occhio un collirio anestetico per poter entrare in contatto con lo strumento sulla superficie oculare.

Al termine di questi esami, il paziente, saprà se i suoi occhi sono sani, se ci sono difetti visivi o patologie che necessiteranno di ulteriori approfondimenti. In caso di problemi di visione, l’oculista, saprà indicare le soluzioni o le terapie adatte per curarle, e soprattutto saprà prescrivere la corretta gradazione di lenti a contatto giornaliere da indossare.

Possibilità di eseguire un test oculistico online

Quando si pensa di soffrire di qualche disturbo alla vista è sempre bene andare dall’oculista, ma nel frattempo si può anche eseguire un test oculistico online.

Queste prove gratuite, disponibili su web anche in italiano, non sostituiscono la visita dal medico ma, in alcuni casi, possono togliere dubbi e ansie. Seguendo le istruzioni all’interno del sito, si può accedere a diverse prove che possono dare indicazioni sull’eventuale disturbo di cui si soffre .

Tre sono i test a cui si può accedere: acutezza visiva, colori e contrasto.

  • Acutezza visiva
    L’acutezza visiva o visus è una delle più importanti capacità visive dell’occhio.
  • Colori
    Poter distinguere chiaramente i colori non è solo indice di un occhio sano, ma ha un ruolo fondamentale nella vita quotidiana. Soffrire di disturbi come il daltonismo può creare notevoli difficoltà a chi guida o a chi deve utilizzare segnali colorati nello svolgimento di una professione.

  • Contrasto
    E’ la capacità della retina di distinguere le differenze di illuminazione tra gli oggetti e il loro sfondo.

I test online propongono prove che si farebbero anche nello studio dell’oculista:  misurare la vista, fare test cromatici e verificare la capacità di percepire il contrasto.

Queste prove possono esser eseguite sia dagli adulti, utilizzando codici alfanumerici, che dai bambini, utilizzando le lettere di Albini, e possono indicare se si soffre di daltonismo o se la visione centrale non è proprio perfetta.

In ogni caso, se si individua un problema, è bene rivolgersi al proprio oculista per una visita approfondita e per trovare le soluzioni idonee alla sua risoluzione.

Fare una visita oculistica prima di usare le lenti a contatto