Per la pulizia delle lenti a contatto esistono soluzioni multiuso e a base di perossido di idrogeno. Entrambe presentano potenziali vantaggi e svantaggi. Leggi la guida per conoscerne caratteristiche, tipologie, e come scegliere la migliore soluzione salina per lenti a contatto in base a criteri di qualità, prezzo, offerte e corretta informazione.

Soluzione multiuso per tenere pulite le lenti a contatto

La soluzione unica multiuso per lenti a contatto è in grado di pulire e disinfettare i tuoi dispositivi. E’ anche chiamata “no-rub”, perché progettata per pulire e disinfettare in modo adeguato le lenti a contatto con un semplice risciacquo, eliminando la necessità di strofinare meccanicamente la superficie per rimuoverle.

Tuttavia, studi recenti suggeriscono che strofinare le lenti a contatto dopo averle bagnate con un flusso di soluzione unica renda il lavaggio più efficace. Per questo motivo, molti oculisti consigliano di strofinarle per dieci secondi anche quando si puliscono le lenti a contatto con le soluzioni multiuso no-rub. I fautori della soluzione multiuso per lenti a contatto sottolineano il fatto che sia meno costosa e più facile da usare rispetto ai sistemi a base di perossido di idrogeno, e che quindi le persone siano più portate a utilizzarla nella maniera corretta.

Anche se negli ultimi anni ci sono stati alcuni casi di epidemie di infezioni oculari che hanno portato al ritiro dal mercato di alcune soluzioni multiuso per lenti a contatto, sono tuttora il metodo più popolare per la manutenzione delle lenti. I sostenitori di questo tipo di soluzione per lenti a contatto sostengono che le infezioni siano state casi isolati e che le soluzioni no-rub si siano dimostrate sicure, efficaci ed economiche.

Liquido per lenti a contatto a base di perossido di idrogeno

Anche se questi prodotti offrono una disinfezione efficace, e non si sono registrati focolai di infezioni oculari associati al loro uso, richiedono qualche passaggio in più per la pulizia rispetto alla soluzione unica multiuso per lenti a contatto. Gli oculisti che raccomandano i liquidi per lenti a contatto a base di perossido di idrogeno spesso consigliamo di pulire prima i dispositivi con una soluzione tensioattiva e/o sciacquare con soluzione unica. La disinfezione perossido di idrogeno può avvenire in un’unica fase o in due fasi, a seconda del prodotto.

Entrambi richiedono la neutralizzazione della soluzione di perossido di idrogeno dopo la disinfezione e prima di indossare i dispositivi. Questo perché il perossido di idrogeno è un efficace agente disinfettante, ma è tossico per la cornea e deve essere convertito in soluzione unica con un agente neutralizzante, per evitare lesioni agli occhi. Nei sistemi one-step, le lenti a contatto sono poste in un supporto all’interno di un contenitore cilindrico che viene riempito con una soluzione unica al 3% di perossido di idrogeno. Sul fondo del contenitore vi è un disco solido di materiale che inizia immediatamente a neutralizzare il perossido di idrogeno.

Nei sistemi two-step, si utilizza involucro riempito con solo perossido di idrogeno per un periodo di tempo specificato. Viene quindi aggiunto un neutralizzatore che converte il disinfettante in soluzione unica lenti a contatto innocua per gli occhi. I sistemi a base di perossido di idrogeno non utilizzano conservanti. Pertanto, sono spesso raccomandati per persone che possono essere sensibili ai conservanti presenti nelle soluzioni multiuso per le lenti a contatto.

I fautori delle soluzioni multiuso sostengono che il lavaggio effettuato con perossido di idrogeno se non per effettuato per un adeguato periodo di tempo, non sia efficace per la disinfezione dei microbi resistenti, compresi quelli che causano una grave infezione oculare denominata cheratite da Acanthamoeba. Sostengono anche che i sistemi two-step comportano il rischio che le persone si dimentichino di effettuare la fase di neutralizzazione e di incorrere in un infortunio doloroso, esponendo gli occhi al perossido di idrogeno non neutralizzato.

Il miglior liquido per lenti a contatto

Un altro problema potenziale dei sistemi HPB è che dopo che il perossido di idrogeno è stato neutralizzato, il liquido per la pulizia delle lenti a contatto che rimane nella custodia non ha potere disinfettante. E’ possibile quindi che la custodia e le lenti vengano contaminati se utilizzate il contenitore per riporre i dispositivi senza l’aggiunta di nuova soluzione disinfettante.

Chiedete consiglio al vostro oculista per la pulizia delle lenti

Scegliere il migliore sistema di pulizia e manutenzione delle lenti a contatto non è una decisione che si dovrebbe fare da soli. Durante la vostra visita, l’oculista vi dirà quale soluzione unica per le lenti a contatto pensa sia migliore per il vostro caso. Inoltre, non modificate il sistema di manutenzione prima di averne parlato con il vostro specialista di fiducia.